area aercheologica
GEAPRESS – L’Associazione Vittime della caccia si unisce alla protesta in atto per l’omessa tabellazione di divieto di caccia nel Parco archeologico di Pirgy, nel Comune di Santa Marinella (RM).

Tale area, riferisce l’associazione, dal valore storico-archeologico unico e preziosissimo, durante la stagione venatoria ma non solo, sarebbe assiduamente frequentata da persone armate. Nei luoghi non si esita così a sparare alla fauna che in questo posto trova rifugio tra i monumenti e le opere antiche. Beni che le istituzioni hanno la competenza e il dovere di tutelare perché rappresenta un viaggio a ritroso nel tempo di oltre 5000 anni, la storia di uno dei più antichi scali portuali del Tirreno, prima importante luogo di culto, poi città etrusca, poi fortezza romana, e nel medioevo borgo e castello (Santa Severa).

Eppure nelle dune della costa prospicente l’area archeologica, non è possibile fermarsi per non alterare l’habit naturale. Paradossalmene, però, ci vanno le persone armate. A patirne le spese, potrebbe essere l’avifauna migratoria che arriva sulla costa dopo migliaia di chilometri di volo!

L’Associazione Vittime della Caccia, ricorda come  la Legge 157/92, imponga il divieto dell’esercizio venatorio “nei giardini, nei parchi pubblici e privati, nei parchi storici e archeologici e nei terreni adibiti ad attività sportive“.

Ebbene, Pyrgi è o no un parco storico ed archeologico? E’ o no un parco pubblico, dove i cittadini (disarmati) e i turisti possono ammirare le opere archeologiche, godere della natura ed usufruire di un bene pubblico? Queste le domande ora rivolte a Comune, Provincia e Regione  nel comunicato dell’associazione la quale si chiede anche a chi spetta, se non agli stessi Enti, applicare e controllare sulle disposizioni vigenti.

E’ il momento di darsi una mossa e prima della stagione venatoria prossima, conclude il comunicato dell’associazione, tabellare tutta la zona e sottoporla a rigorosi controlli venatori affinché un bene comune, anche della fauna, sia davvero di tutti e in tutta sicurezza!

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati