cane caccia
GEAPRESS – In occasione della chiusura della caccia, le Guardie Zoofile dell’ENPA di Salerno, coordinate dal vice capo nucleo Alfonso Albero, hanno provveduto ad  intensificare i controlli venatori.

Il controllo è scattato al confine tra due ambiti territoriali di caccia ed a finire sanzionati sono stati due individui che erano comunque provvisti di porto d’armi. I due cacciatori, però, non avevano rinnovato le tasse governative e avevano optato per una forma di caccia non consentita.

Il giro di vigilanza si è poi esteso ad Altavilla Silentina. Nel primo pomeriggio, lungo la strada che porta alla cittadina, sono stati avvistati due soggetti che esercitavano la caccia in forma vagante. Per loro la sanzione per forma di caccia non consentita. Poco prima del tramonto le guardie venivano inoltre attirate da una serie di colpi esplosi sull’altro versante di Altavilla Silentina. Una rapida occhiata dall’alto ha permesso agli agenti di avvicinarsi ad altri due soggetti senza essere notati. Vana la breve fuga di uno dei due.

Sospensione delle sei licenze per un anno e sanzioni per circa 5.000 euro, questo il bilancio della giornata.

“L’alta percentuale di reati commessi in questa stagione, dimostra che buona parte dei cacciatori non rispetta le norme – commenta Alfonso Albero – I nostri controlli proseguiranno durante tutto l’anno,  gli accertamenti in ambito venatorio sono sono una parte dei compiti a cui il personale Enpa assolve.

In  ultimo, nella mattinata di oggi, raggiunta telefonicamente dall’Asl di Eboli, la   Protezione Animali si è attivata per trasportare un tasso ferito al Cras, Centro di Recupero della Fauna Selvatica, di Napoli. L’animale sarà curato e medicato e, si spera presto, liberato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati