GEAPRESS – Manifestazione anti circo con animali, sabato pomeriggio a Salerno. Ad organizzarla gli attivisti di Veg in Campania. Lo scopo è sensibilizzare l’opinione pubblica su quelle che gli animalisti definiscono le inaccettabili condizioni degli animali. In tutto una cinquantina di persone. Alcuni attivisti, però, giungono sul posto in anticipo. Armati di videocamera riprendono gli animali detenuti nella struttura.  Un  elefante, sotto un piccolo gazebo, così sarebbe stato filmato mentre si dondola. Un movimento già conosciuto nei circhi. Un comportamento steriotipato, spiegano i manifestanti, generato dalla cattività animale. C’è poi la leonessa. E’ ferma nella sua gabbia. In ultimo la zebra (legata ad una fune lunga forse un paio di metri) ed il cucciolo di giraffa.  Muove quei passi che lo spazio gli consente.

Qualche problema all’entrata. Dal tendone, affermano gli animalisti, sarebbero partiti insulti.  Poi  un risvolto inatteso.  Tre cammelli ed i loro inservienti addobbati da improbabili Re Magi, si dirigono verso il quartiere Mercatello, dove  è allestito un presepe vivente. Lungo il percorso  i poveri animali  mostrano la loro insofferenza. C’è chi scalcia e si dimena. Eppure, ricordano da Veg in Campania, il Sindaco di Salerno, nel suo programma elettorale, aveva riferito del divieto di utilizzo degli animali nei circhi. “Siamo ancora in attesa di un’Ordinanza” dicono ironicamente da Veg in Campania. Nel frattempo, però è il circo a frequentare le vie cittadine. Ben sei chilometri, fino al presepe. “Se il circo con animali è un esempio di spettacolo diseducativo – sostengono i manifestanti – allora è l’amministrazione comunale che tiene in poco conto il benessere degli animali“.

Eppure Veg in Campania ribadisce che la lotta  non è contro l’arte circense. Sempre più diffusi ed apprezzati sono gli spettacoli del “Circo Contemporaneo”. Una nuova concezione del circo, rivoluzionario, poetico, tra giocolieri, contorsionisti, equilibristi, acrobati e clown. Un mondo onirico fatto di musica, suoni e luci. Il corpo, l’arte, la poesia sono i protagonisti assoluti di questi spettacoli visionari. “Questo è il circo che ci piace – sostengono da Veg in Campania –  l’unico in linea con una società che si definisce civile. Vogliamo un circo più umano, che metta in luce solo la bravura dei suoi artisti. Un circo senza animali“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTOGALLERY:

no images were found