lupo morto
GEAPRESS – Intervento nella mattinata di ieri degli agenti faunistico-ambientali del Servizio di Tutela della Fauna e della Flora della Città Metropolitana di Torino. Una telefonata del personale viaggiante delle ferrovie dello Stato indicava, infatti, la presenza della carcassa di un canide morto lungo la ferrovia Torino-Modane al Km 68+700, nel territorio del Comune di Salbertrand.

Gli agenti della Città Metropolitana hanno constatato che si trattava del corpo di un Lupo maschio di età adulta, del peso di 34 Kilogrammi. L’animale è stato portato alla Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Universita di Torino per l’esecuzione dell’esame autoptico previsto in casi del genere.

“Si tratta del sessantesimo rinvenimento di Lupo morto dal momento della ricomparsa della specie nelle vallate alpine del territorio della Città Metropolitana di Torino. – sottolinea Gemma Amprino, Consigliera metropolitana delegata all’ambiente, alla montagna e alla tutela della fauna e della flora – La prima carcassa di un Lupo è stata ritrovata il 18 dicembre del 2001”.

Nella quasi totalità dei casi i Lupi rinvenuti morti sono esemplari molto giovani, entro il secondo anno di vita, a conferma dell’erraticità della specie negli stadi giovanili, propedeutica alla ricerca di nuovi territori ove insediarsi. La morte, nella stragrande maggioranza dei casi, deriva dall’investimento da parte di veicoli lungo le vie di comunicazione che intersecano i loro areali. I casi di uccisioni illegali sono pochissimi.

Il cittadino che dovesse imbattersi in un lupo morto, – ricorda la Consigliera metropolitana Gemma Amprino – deve immediatamente segnalare il ritrovamento al numero 1515 della Guardia Forestale. Nel caso l’animale sia ferito o in difficoltà, senza avvicinarsi all’animale, occorre chiamare oltre al 1515 il 118, per l’attivazione del veterinario reperibile”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati