GEAPRESS – Secondo l’Agenzia di Stampa russa Ria Novosti, le Guardie di Frontiera sarebbero intervenute oggi, ma il carico sospetto proveniente dalla Russia e diretto in Cina, era stato segnalato già nello scorso week end.

In una località non meglio precisata dell’estremo oriente siberiano sarebbe così avvenuto il sequestro di cinque chili di zampe di orso. I bracconieri, a quanto pare, erano pronti per il trasferimento oltreconfine.

Le zampe sono state rinvenute all’interno di sacchi nascosti al di sotto di una piattaforma contenente una catasta di legna.

Le parti di orso sarebbero state utilizzate per la medicina tradizionale cinese. Ad essere in pericolo non sono solo gli orsi, ma anche tigri siberiane ed essenza vegetali rare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati