GEAPRESS – Secondo quanto riportato dall’Agenzia Interfax, la popolazione del leopardo nell’estremo oriente russo non sarebbe diminuita. A questa conclusione sono ora arrivati scienziati russi e cinesi che hanno portato a compimento una prima fase di monitoraggio nel Primorsky Krai, un’area incastonata tra la Corea dei Nord e la Cina. I leopardi censiti, sarebbero 45.

I due paesi hanno deciso di continuare la collaborazione finalizzata allo studio e protezione delle popolazioni di leopardo che vivono a cavallo dei due confini. Animali che spesso si spostano da un paese all’altro. Per questo la seconda fase di monitoraggio è in programma alla fine di gennaio in due aree protette della Cina, sempre lungo il confine russo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati