vitellone
GEAPRESS – Un vitello morto su un autocarro lungo la SS 434 Transpolesana. E’ quanto  scoperto l’altro ieri dalla Polstrada  nel corso di un controllo su un autocarro italiano adibito al trasporto di animali vivi. La morte dell’animale, rinvenuto sdraiato su di un fianco, è stata accertata da un Medico Veterinario dell’ASL competente territorialmente.

Stante quanto comunicato dalla Questura di Rovigo al trasportatore sono state contestate le violazioni delle disposizioni relative al benessere degli animali durante il trasporto. L’uomo potrebbe inoltre avere omesso di allertare prontamente il servizio veterinario. Per questo risulta ora indagato. L’ipotesi è quella di uccsione di animali (544/bis C.P.).

La Questura di Rovigo precisa come l’attività di controllo della Polizia Stradale nei confronti della filiera del trasporto di animali vivi, risponde a un’ esigenza non solo nazionale ma anche dell’Unione Europea che, già dal 2005,  ha tracciato delle linee guida in materia.

Il Regolamento 1/2005 è entrato in vigore in Italia nel gennaio 2007 e contiene le regole da rispettare per ridurre al minimo lo stress a cui sono sottoposti gli animali – riconosciuti nel trattato di Lisbona come esseri dotati di sensi e sensibilità – e per evitare ricadute negative sulla salute umana.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati