tonno rosso
GEAPRESS – Mezza tonnellata di Tonno rosso posto sotto sequestro dal personale della Capitaneria di Porto presso il Mercato ittico ubicato all’interno del Centro Agroalimentare di Guidonia Montecelio.

Al termine di mirate indagini per risalire alla tracciabilità, sono state segnalate alla Procura della Repubblica di Tivoli dodoci società  di Roma, Formia, Pescara, Riposto, Palermo, Ragusa, comprese sei pescherie e cooperative di pesca nonché un ristorante e cinque imbarcazioni da pesca. Sono  stati elevati verbali amministrativi per un totale di trentamila euro.

I rappresentanti delle  cinque società che risulterebbero essere implicati nella commercializzazione sono stati denunciati presso la procura di Tivoli con l’accusa di avere violato l’art. 515 C.P. “Frode nell’esercizio del commercio”. Dovranno altresì difendersi dall’accusa di avere commercializzato i Tonni rossi con altra denominazione (tonni alalunga), eludendo le restrizioni imposte dal Consiglio dell’unione Europea sulla tracciabilità, mirate alla conservazione della specie.

Sono in corso le procedure da parte dei veterinari dell’Azienda Unità Sanitaria Locale Roma G, presenti all’interno del mercato ittico per donare equamente il prodotto ittico in beneficenza.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati