forestale firme
GEAPRESS – Si è svolta ieri mattina, presso la 1^ commissione affari costituzionali della Camera dei Deputati, l’audizione delle associazioni che si oppongono allo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato. All’incontro era presente il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Marianna Madia.

Tra i sodalizi ascoltati c’erano anche i promotori dell’iniziativa “Salviamo la Forestale”, che assieme all’associazione ambientalista Fare Verde raccoglie le firme, sia on line che su moduli cartacei, a sostegno di una petizione che chiede al Governo e al Parlamento di non chiudere il Corpo Forestale.

“Il rapporto Eurispes 2015 – ha dichiarato Raffaele Seggioli, coordinatore nazionale della raccolta di firme – conferma che il Corpo Forestale dello Stato è molto amato dagli italiani, con un indice di gradimento del 64,6%. Attorno alla nostra raccolta di firme si è creato un movimento di associazioni antimafia, ambientaliste, animaliste e venatorie, di personalità pubbliche ed Enti Locali. Tutti chiedono al Governo di non sopprimere il CFS. Abbiamo già raccolto – ha proseguito Seggioli – decine di migliaia di firme, on line e cartacee, queste ultime raccolte dall’associazione ambientalista Fare Verde. Continueremo a batterci e siamo pronti a ricorrere alla Corte Costituzionale e al referendum abrogativo.”

A seguire, Antonella Giordanelli ha approfondito l’argomento e ha consegnato ufficialmente alla Commissione cinque importanti documenti. “L’Unione Europea chiede il rafforzamento del Corpo Forestale – ha notato la Giordanelli – e il Governo Renzi invece lo vuole sopprimere. Sono a rischio i posti di lavoro e le ricerche scientifiche svolte nei centri per la biodiversità, l’occupazione degli operai forestali, le convenzioni tra le Regioni e il CFS. La Forestale tutela la nostra Terra Madre e la vita – ha concluso la Giordanelli – simboleggia il verde della nostra bandiera e la difenderemo.”

“Quella in difesa del Corpo Forestale dello Stato – dichiara Silvano Olmi, vice presidente nazionale di Fare Verde – è una battaglia per l’ambiente e la qualità della vita che le donne e gli uomini della Forestale difendono quotidianamente. Chiediamo con forza al Governo – conclude Olmi – di rafforzare il CFS con l’assorbimento del personale delle Polizie Provinciali, per creare una Guardia Nazionale in difesa della Natura.”

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati