simbolo PAE
GEAPRESS – A pochi giorni dal blitz sulle botticelle effettuato dalle “ronde” animaliste (vedi articolo GeaPress) un nuovo caso sembra ora coinvolgere l’amministrazione del neo Sindaco Marino.

Secondo un comunicato diffuso dal PAE (Partito Animalista Europeo) non solo sarebbero emerse irregolarità ma la polemica  potrebbe ora coinvolgere le stalle del Testaccio anch’esse accusate di “irregolarità”.

Sempre ad avviso del PAE  i cavalli potrebbero essere detenuti in modo incompatibile con la loro natura etologica, una formulazione che, come è noto, coincide anche con i comportamenti puniti dal reato di cui all’art. 727 del Codice Penale. Poi ci sarebbero le norme contenute nel Codice per la tutela e la gestione degli equidi, redatte dal Ministero della Salute.

Il PAE fa notare a Marino le dimensioni dei box, la temperatura, l’igiene, la ventilazione, il rumore e gli impianti tecnici. Tutte cose che potrebbero riperquotersi  sui cavalli, specie  durante il riposo. Proprio in questa fase gli animali  sarebbero detenuti legati all’interno dei box e a poca distanza dal villaggio globale. Un luogo ove si organizzano  eventi musicali dal vivo fino a notte fonda.

Sentito l’Ufficio legale, il PAE espone ora il tutto in una denuncia querela presentata dalla Procura della Repubblica.

Sarà ora la Magistratura a riscontrare oppure no quanto denunciato sulle stalle. Per il PAE, però, vale un impegno politico, ovvero quello del neo Sindaco assunto in campagna elettorale, ovvero sul benessere degli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati