Guardia Costiera gommone b46
GEAPRESS – Nella notte tra il 10 e l’11 luglio, uomini della Capitaneria di Porto di Ravenna, dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Garibaldi e dell’Ufficio Locale Marittimo di Goro, hanno svolto appositi accertamenti finalizzati al contrasto della pesca abusiva, facendo scattare un’operazione complessa nelle acque marittime del canale di Porto Garibaldi.

Attraverso un’azione condotta tutta la notte da terra e via mare, è stato possibile intercettare sul fatto due unità da pesca che, approfittando dell’oscurità, esercitavano abusivamente la pesca di vongole veraci.

All’avvistamento dei militari, un peschereccio a quanto pare avrebbe provato a fuggire tentando di speronare un battello pneumatico della Guardia Costiera che partecipava all’operazione, ma veniva prontamente bloccato.

Alla fine dell’operazione, sono state elevate, a carico dei trasgressori, vari tipologie di denunce, relative a violazioni sulla pesca, nonché sulla sicurezza della navigazione ed inoltre si è configurata un’ipotesi di reato per tentato naufragio in conseguenza delle rischiose manovre nautiche messe in atto per evitare il fermo da parte dei militari.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati