salva cinghiale - Copia
GEAPRESS – Ad insospettire gli inquirente è stato l’adirivieni di autoveicoli all’interno del Parco della Vena del Gesso. Un luogo dove di recente è stato ucciso un rarissimo Gufo reale che, da poco tempo, era tornato a colonizzare il Parco (vedi articolo GEAPRESS).

Questa volta a finire nei guai sono stati tre cacciatori che nottetempo, secondo le indagini degli inquirenti, si sarebbero dedicati alla caccia del cinghiale in area protetta. Di certo, nel corso delle perquisizioni, non sono mancate sorprese: armi non denunciate e trappole.

Proprio la particolarità delle armi ha fatto dedurre agli inquirenti la loro possibile destinazione, ovvero l’abbattimento del cinghiale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati