gabbiette per richiami vivi
GEAPRESS – Il Consiglio Provinciale di Milano ha oggi approvato all’unanimità una mozione di condanna verso ogni forma di utilizzo di richiami vivi per la caccia. Ad annunciarlo con soddisfazione è l’Ufficio Diritti Animali della Provincia di Milano.

La mozione è stata sottoscritta da tutti i gruppi consiliari ed è stata presentata dal primo firmatario Massimo Turci.  “L’utilizzo di richiami vivi per la caccia – ha dichiarato il Consigliere Turci – è una pratica vergognosa purtroppo tuttora consentita dalle leggi. La cattura delle “esche” – ha aggiunto il primo firmatario della mozione –  avviene in modo cruento con metodi non selettivi mentre la successiva detenzione costringe esseri viventi nati liberi in gabbie minuscole, al buio in attesa di una fine violenta“.

L’iniziativa della mozione  ha preso spunto da una raccolta firme della LIPU.

Ci siamo uniti all’appello affinché si arrivi al divieto di ogni forma di utilizzo di richiami vivi, di ogni impianto utilizzato per la cattura e di prevedere per chi utilizza i richiami il reato di maltrattamento con le pene relative.  Noto con piacere – ha proseguito Turci – che tutto il Consiglio si è pronunciato in modo compatto, segno che una nuova, diversa e più umana considerazione per la natura e gli animali si sta sempre più diffondendo in ogni ambiente e la direzione che stiamo indicando è condivisa dalla grande  maggioranza della popolazione sempre più sensibile ed attenta a condannare ogni forma di violenza e sopraffazione anche a danno degli animali”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati