COP CAVALLI
GEAPRESS – Intervento del Corpo Forestale dello Stato di Potenza nei confronti di un rivenditore di equini. Il controllo di è concluso con il  sequestro di sette  cavalli che sarebbero risultati privi di documenti di provenienza, identificativi e sanitari.

Un controllo di natura amministrativa che avrebbe così fatto emergere il contrasto con  quanto stabilito dalla normativa sull’identificazione e la registrazione degli animali. Solo in tal maniera, riferisce il Corpo Forestale, si sarebbe invece potuto assicurare la tracciabilità degli animali oltre che garantire una adeguata sorveglianza sanitaria. Da rilevare anche l’ipotesi di repressione e contrasto alle frodi alimentari.

Secondo il comunicato diffuso dalla Forestale gli spazi in cui erano detenuti i cavalli sarebbero stati giudicati come  molto ristretti, con scarsa luminosità e arieggiamento e senza abbeveratoi. Scarse erano anche le condizioni igieniche a causa del letame presente nei locali.

Il titolare dell’attività è stato deferito all’Autorità Giudiziaria. L’ipotesi investigativa ruota attorno all’ipotesi di acquisto di cose di dubbia provenienza e per maltrattamento di animali in quanto avrebbe deteneto gli equidi in condizioni incompatibili con la propria natura.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati