velino fiume
GEAPRESS – Due chilometri del fiume Velino, scomparsi nel nulla. Lo annuncia il Corpo Forestale dello Stato, Comandi Stazione di Posta e Borbona.

L’improvvisa “asciutta” del fiume ha creato numerose pozze ove è rimasto intrappolato un numero elevato di trote. Forestali e volontari sono attualmente impegnati nelle operazione di salvataggio.

Secondo la Forestale, quanto avvenuto dovrebbe rientrare nel noto fenomeno dello “Sinkholes”, ovvero lo sprofondamento naturale dell’alveo di un fiume. Il tratto interessato è quello del fiume Velino ricadente nella località “Fabbrica” nel comune di Posta. In particolare l’area è compresa tra i  Casali di S. Giovanni e Casale Valenzano.

Purtroppo numerose trote sono morte non avendo fatto in tempo nel raggiungere pozze più profonde. Ad avvisare i Forestali sono stati alcuni pescatori del luogo.

Le operazioni di salvataggio non sono state semplici. Le trote salvate sono state trasferite con secchi pieni d’acqua nel limitrofo torrente Scura, dove per fortuna le acque rimangono abbondanti. Ancora numerosi sono però i pesci da salvare. Rischiano tutti di morire con il prosgiugamento delle pozze residue.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati