tonno rosso VI
GEAPRESS – Sequestro di due tonnellate di Tonno rosso operato dalla Guardia Costiera di Porto Torres (SS).

L’operazione è iniziata poco dopo la mezzanotte, quando la MN CP 291, unità d’altura dislocata presso la Capitaneria di porto turritana, nel corso dell’attività di pattugliamento nel mare “di fuori” dell’Asinara, ha intercettato un motopesca intento in attività sospetta.

Al natante è stato così intimandogli l’alt per i controlli di rito ed una volta saliti a bordo, i militari della Guardia Costiera hanno proceduto ad ispezionare i locali dell’unità confermando i sospetti iniziali. Adeguatamente occultati, sono stati rinvenuti 12 esemplari di tonno rosso di oltre 170 kg ciascuno per un peso complessivo di circa 2 tonnellate.

Trattandosi di unità non autorizzata alla pesca, gli inquirenti hanno posto immediatamente sotto sequestro il pescato ordinando al comandante del peschereccio di fare immediatamente rotta nel porto di Fertilia per il prosieguo degli accertamenti. I motopesca non autorizzati alla cattura del tonno, infatti, possono effettuare solo catture accidentali entro limiti di tolleranza stabiliti dalla legge (5 % del prodotto ittico a bordo).

Giunto in nottata nel porto di Fertilia, il motopesca, scortato dalla motovedetta della Guardia Costiera, è stato sottoposto ad un controllo approfondito e si è proceduto a porre in essere tutte le attività previste nel caso di violazione delle stringenti norme imposte dall’Unione europea a tutela degli stock di tonno rosso.
Il pescato sequestrato, privo di vita e pertanto non rigettabile nel suo ambiente naturale, è stato venduto all’asta ed il ricavato, di oltre 7.000 Euro, imputato ai fondi del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali

La sanzione elevata ammonta a  4,000 Euro. Gli attrezzi di pesca sono stati posti sotto sequestrato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati