forestale
GEAPRESS – Doppio intervento del Corpo Forestale dello Stato, Comando Stazione di Pistoia, in tema di illeciti in materia venatoria.

I Forestali, intervenuti a seguito dell’intensificazione dei controlli in materia venatoria, hanno contestato in un caso l’esercizio di caccia senza porto d’armi e la detenzione di specie protette (tortora dal collare) mentre  nel secondo episodio  si è riscontrato l’utilizzo di trappole allo scopo di catturare uccelli.

Ad essere poste sotto sequestro penale probatorio sono l’arma utilizzata, ovvero un fucile calibro 12, oltre che cartucce, trappole per catturare uccelli e i due esemplari di tortora dal collare vivi. Il soggetto sprovvisto di porto d’armi, ma senza precedenti penali, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria di Pistoia per porto abusivo d’arma.

Alle violazioni commesse corrispondono un’ammenda di  3.300 euro, l’arresto fino a 6 mesi, nonché la sospensione del porto d’armi. Ai due bracconieri sono state inoltre contestate sanzioni amministrative, per complessivi € 2.500, riferite all’esercizio di caccia senza licenza di porto di fucile, alla mancanza di polizza assicurativa e del tesserino venatorio regionale, all’omesso pagamento dell’ATC e del versamento delle tasse di concessione governativa e regionale, per le quali è previsto anche il recupero delle tasse evase, per un importo di l800 euro.

Gli interventi si inseriscono nell’ambito dei servizi di controllo del territorio operati dal Corpo forestale dello Stato, per prevenire e reprimere i reati venatori, con particolare attenzione anche al fenomeno dell’uccisione di fauna protetta e del bracconaggio.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati