Elicottero incendio
GEAPRESS – E’ accusato di avere appiccato una serie di incendi. Il sospetto piromane residente a San Giuliano Terme (PI) è stato fermato a seguito di accurate indagini dal  Corpo Forestale dello Stato, Nucleo Investigativo di Pisa, intervenuto congiuntamente ai Comandi Stazione di Calci e Pontedera. Gli inquirenti hanno agito proprio a seguito dell’intensificazione dei servizi mirati alla repressione del fenomeno degli incendi boschivi sui Monti Pisani.

Dall’inizio del mese di giugno, comunica il Corpo Forestale, si sono sviluppati nove incendi, tutti nel medesimo areale, di cui quattro consecutivamente nei primi quattro giorni del mese di luglio. La persona ora fermata era a quanto pare già noto agli inquirenti del Corpo Forestale.  Già dallo scorso anno, comunicano gli inquirenti, su di lui pendevano forti sospetti in ordine ad incendi boschivi, anche rilevanti, che hanno interessato il territorio dei Monti Pisani nella trascorsa stagione estiva. Dopo una serie di appostamenti e riprese video, ed anche grazie all’ausilio dei cittadini allarmati per i numerosi incendi che hanno interessato le loro proprietà, il soggetto è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Pisa e immediatamente posto agli arresti domiciliari per il grave pericolo di reiterazione dei reati che gli vengono ascritti.

Per gli inquirenti del Corpo Forestale dello Stato, l’indagato presenterebbe tratti specifici della piromania criminale, ed agirebbe compulsivamente sulla base di un movente di carattere irrazionale, per appagare frustrazioni e bisogni psicopatologici profondi.

La piromania, spiega la Forestale, è una condizione rara e la maggior parte degli incendi che interessano il territorio pisano sono cagionati da incendiari che agiscono per un motivo razionale ed economicamente rilevante. Tra questi la caccia, ritorsioni verso la pubblica amministrazione o semplicemente verso un privato proprietario del fondo.

Il Nucleo Investigativo investirà tutte le proprie risorse per reprimere il fenomeno degli incendi sui Monti Pisani e le indagini si concentreranno su altri soggetti su cui viene tenuto il più stretto riserbo. Il Comandante provinciale del Corpo Forestale, dott.ssa Anna Fadda, invita i cittadini di mettersi in contatto con il personale del Comando Provinciale di Pisa per segnalare e fornire qualsiasi elemento utile alle indagini relative agli incendi boschivi: questo perché il fuoco distrugge anche prove ed indizi rendendo particolarmente complessa l’individuazione del responsabile “a posteriori”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati