sparviero
GEAPRESS – E’ stato recuperato dal WWF di Val di Cornia lo Sparviero centrato da una fucilata a Piombino (LI). L’animale, una volta caduto a terra è stato notato e subito segnalato al WWF.

Le ferite causate dal colpo di fucile, si pensa esploso nel promontorio di Piombino, avevano gravemente compromesso le sue capacità di volo. Anche se così non fosse stato, l’animale, molto probabilmente, non non sarebbe stato in grado di sopravvivere. Gli Sparvieri, infatti, si caratterizzano per la caccia messa in atto all’interno dei boschi. La particolare conformazione delle ali consente loro di sfrecciare tra gli alberi alla ricerca di prede.

Lo Sparviero di Piombino verrà ora ricoverato presso il Centro LIPU di Livorno. Qui si deciderà se bisognerà ricorrere all’intervento chirurgico  sull’ala  colpita  dai pallini da caccia. La speranza è quella di poterlo recuperare alla vita selvatica.

Tutti gli uccelli rapaci sono animali protetti dalla legge italiana e da importanti Convenzioni internazionali. Difficilmente possono essere confusi con animali di specie cacciabile.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati