GEAPRESS – Tartarughe marine, leoni marini, delfini ed uccelli appartenenti a più specie. Un centinaio di animali trovati senza vita nelle spiagge a nord del paese. 

Animali rinvenuti, a quanto pare, in diversi stadi di decomposizione e senza che nessuno riesca ancora a capire la causa della morte.

Di certo non sono i primi a rimanere uccisi. La misteriosa moria, infatti, prosegue da almeno due anni. Tra le cause ipotizzate vi è quella relativa ad un misterioso virus. Fatto, a dire il vero, non molto probabile considerato l’elevato numero di specie coinvolte appartenenti addirittura a classi animali diverse. Poi le ricerche petrolifere o cibo avvelenato.

Una ipotesi, quest’ultima, proprio di recente presentata come probabile (vedi articolo GeaPress). Venne riferita a proposito dei leoni marini morti nella stessa zona. Uccisi, forse, dal veleno iniettato nel pesce. I responsabili sarebbero gruppi di pescatori senza scrupoli che intendono in tal maniera eliminare un possibile “concorrente”. Un segnale, per l’ONG che denunciò il caso, della grave disattenzione delle autorità locali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati