fucile caccia messina
GEAPRESS – Bloccati a 2.100 metri di quota nel Parco Naturale Regionale del Sirente-Velino. A denunciarli, una volta sorpresi nella Foresta Demaniale Regionale “Acquazzese”, è stato il personale del Corpo Forestale dello Stato.

Si tratta di due uomini residenti a Marino (Roma) e Latina. Con i loro fucili calibro 12 e di due cani Setter da caccia, i bracconieri sono stati denunciati per esercio della caccia in area protetta. In tal maniera, riferisce il comunicarto del Corpo Forestale, sale così a cinque il numero di bracconieri sorpresi sul Monte Ocre, una delle aree più remote del Parco Naturale Regionale Sirente-Velino. Habitat di alta quota, riferisce la Forestale, ma anche molto prossimi alla città dell’Aquila e della zona contigua del Parco, ove la caccia è consentita.

Il personale dell’Ufficio Territoriale per la Biodiversità dell’Aquila, che gestisce la Foresta Demaniale Regionale “Acquazzese” per conto della Regione Abruzzo, aveva già sorpreso altri tre bracconieri lo scorso anno, proprio nella stessa area e nello stesso periodo. Di fatto, in coincidenza dell’apertura della caccia alla coturnice.

L’area del Monte Ocre, caratterizzata da praterie naturali e habitat rupestri a elevata biodiversità e valore ambientale si trova al centro dell’areale di diffusione della coturnice (Alectoris graeca ssp. saxatilis), specie fortemente minacciata e protetta a livello europeo dalla Direttiva Habitat 92/43/CEE. Un’area ricca di specie animali e vegetali di particolare pregio.

In particolare, nel caos della Coturnice, si tratta di una entità endemica degli Appennini Centrali, ormai ridotta ad appena poche centinaia di individui. In questo contesto, le popolazioni del Massiccio del Velino (del quale l’area in questione costituisce la parte più settentrionale) sono tra quelle più importanti dell’intero areale di diffusione della specie: costituiscono, infatti, il principale “serbatoio biologico”.

La principale minaccia alla conservazione della specie, riferisce la Forestale, è considerata proprio la pressione venatoria. In base al Calendario Venatorio 2013-2014 della Regione Abruzzo ed a quello dell’Amministrazione Provinciale dell’Aquila, la caccia a tale specie è consentita soltanto con modalità particolari e in limitatissime aree, la più prossima delle quali si trova a circa 3 chilometri a Sud-Ovest del punto di accertamento del reato.

Alla luce di questo ennesimo atto di bracconaggio l’Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato intensificherà le attività di controllo dell’area amministrata, per tutelare il prezioso patrimonio di biodiversità cui è preposto.

Il territorio della Foresta Demaniale Regionale, esteso 435 ettari da 1.320 metri di quota alla cresta del Monte Ocre (m 2.209), è interamente compreso in quello del Parco Naturale Regionale Sirente-Velino e in due aree della Rete europea Natura 2000 (il Sito di Interesse Comunitario n. IT7110206 “Monte Sirente e Monte Velino” e la Zona di Protezione Speciale n. IT7110130 “Sirente Velino”). Tra le attività svolte, la sistemazione di un sentiero-natura per l’escursionismo naturalistico e il monitoraggio della flora e della fauna.

Nel solo 2013, sono state censite più di 300 specie vegetali, tra le quali alcune rarissime e minacciate, e più di 30 specie di uccelli. Ed è proprio nei pressi del sentiero-natura in corso di sistemazione, che il Vice Questore Aggiunto Forestale Bruno Petriccione, biologo, con altro personale del Corpo Forestale, ha bloccato i soggetti denunciati, a caccia proprio di quelle coturnici che costituiscono una delle specie più rare e minacciate della Foresta Demaniale e di tutto il Parco Regionale del Sirente-Velino.

L’area in questione si trova a 500 metri dal confine del Parco, oltre il quale i cacciatori spesso “sconfinano” alla ricerca delle loro prede, trasformandosi a tutti gli effetti, dal punto di vista giuridico, in veri e propri bracconieri.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati