genepì appenninico
GEAPRESS – Tre persone sono state fermate dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato del CTA del Parco e dei Comandi Stazione di Arischia ed Assergi (AQ), sul Monte Corvo, nel territorio del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, perché trovate in possesso di 1800 fiori di Genepì appenninico (Artemisia petrosa subspecie Ariantha) (nella foto del Parco della Majella).

Un altro duro colpo, secondo il Corpo Forestale, all’ambiente e alla flora più pregiata del Parco, che in questo caso riguarda una specie particolarmente rara tutelata sia dalla Legge Regionale che dalla Legge Quadro sulle Aree Protette e dalla Direttiva europea “Habitat”. Una specie, aggiunge la Forestale, per la cui fragilità e rarefazione in natura, l’Ente Parco ha avviato uno specifico ed innovativo progetto in cooperazione con l’Università degli Studi dell’Aquila, allo scopo di favorirne la moltiplicazione e la coltivazione ex situ, anche quale sostegno all’agricoltura di montagna.

I tre fermati sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria mentre per quanto riguarda le piantine di Genepì sequestrate. Il Magistrato ha consentito, per l’eccezionalità del caso, che siano consegnate all’Ateneo del capoluogo, nell’auspicio di riuscire a recuperarle e a farle nuovamente attecchire.

E’ solo grazie al vigile ed instancabile controllo del Corpo forestale dello Stato, che è possibile assicurare sul territorio tutelato la corretta difesa delle specie autoctone, anche attraverso l’opera di sensibilizzazione al pubblico per aumentare la conoscenza e la consapevolezza del valore e del rispetto per l’ambiente. Nonostante tutta l’opera di divulgazione profusa, anche la Direzione dell’Ente Parco ha manifestato il rammarico per il persistere di comportamenti lesivi dell’ambiente, quale la consuetudine di alcuni di raccogliere flora protetta per la preparazione di liquori in ambito domestico o ancor peggio a scopo di lucro, come spesso accade per le piante di Genepì: una pratica illegale oltre che altamente lesiva dell’ambiente.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati