bosco taglio legna
GEAPRESS – Gli uomini del Comando Stazione Forestale di Lago Salso, hanno provveduto ad individuare ed arrestare tre persone, due di Ischitella  ed uno di Vico del Gargano, sorprese a tagliare alberi per ricavarne legna da ardere. I tre stavano operando all’interno di un bosco di proprietà del Comune di Monte Sant’Angelo (FG).

L’intervento, eseguito nell’ambito del contrasto disposto dal Coordinamento Territoriale per l’Ambiente del Parco Nazionale del Gargano al grave fenomeno dei tagli boschivi , fa seguito ai controlli ed appostamenti mirati in località “Bosco Quarto-Valle Ragusa”, ovvero Zona 1 del Parco.

Secondo quanto comunicato dal Corpo Forestale dello Stato, i soggetti sarebbero stati già noti alle Forze dell’Ordine. Per loro sono scattati gli arresti domiciliari in attesa di essere processati per direttissima. Per due di loro, a seguito del processo, è stata poi disposta la misura cautelare dell’obbligo di presentarsi alla Polizia Giudiziaria, mentre l’altro arrestato è stato rimesso in libertà, con il rinvio del processo ad altra data.

L’attività di repressione di tali reati da parte del Corpo Forestale dello Stato si fa sempre più incisiva atteso che il bosco è bene e valore da tutelare con ogni mezzo. I tagli abusivi determinano infatti danni rilevanti ai boschi del Gargano che già subiscono le aggressioni delle fiamme degli incendi estivi e soffrono poi il continuo pascolamento di bestiame che vaga senza governo, procurando danni alla vegetazione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati