gheppio
GEAPRESS – Ancora un’operazione notturna sulle creste delle montagne dell’area naturale del Parco dei Monti Lattari.

Su segnalazioni del WWF Penisola Sorrentina, gli agenti scelti del Corpo Forestale dello Stato di Castellammare di Stabia, agli ordini del Comandante Romualdo Apicella, hanno proceduto all’ennesima individuazione e smantellamento di numerose postazioni per il richiamo delle quaglie e al sequestro degli impianti elettronici (altoparlanti, batterie, fonofili, cavi elettrici e quant’altro) allestiti sulle alture della penisola sorrentina. A darne comunicazione è il WWF della penisola sorrentina.

Le operazioni hanno interessato le località di Arola, S.Maria del Castello e Monte Faito, nel comune di Vico Equense

Il versante più a sud della penisola sorrentina era già stato ampiamente bonificato da diversi interventi operati dalla forestale – dichiara Claudio d’Esposito responsabile del WWF Penisola Sorrentina – mancava all’appello la parte più alta ed impervia, che da Monte Comune si spinge fino alle cime del Monte Faito, passando per S.Maria del Castello. Anche qui, come da copione, le postazioni dei bracconieri erano state abilmente nascoste nella montagna, spesso in vere e proprie casseforti, saldate ad arte e cementate tra la roccia, chiuse da robusti catenacci e contenenti sofisticati impianti e timer che riproducono, per l’intera notte, il verso delle quaglie da catturare, attraendole nei pressi della postazione e rendendole prede facili per il bracconiere. Spesso, per poter sparare anche in giorni di divieto, i fucili non vengono portati da casa ma sono nascosti nella montagna, dopo averne abraso la matricola, sotto i muri, in grotte o tra la vegetazione, costituendo un ulteriore grave pericolo.”

L’uso per la caccia dei richiami elettromagnetici ed elettrici è vietato, ma evidentemente non per taluni cacciatori che ritengono di poter impunemente infrangere la legge e depredare, a proprio piacimento, l’avifauna migratoria, approfittando il più delle volte della mancanza di controlli.

A breve si spegneranno definitivamente gli ultimi richiami per le quaglie ma, purtroppo, verranno attivati quelli per i tordi, attesi in transito nel pieno dell’autunno, ed essi  verranno catturati con le famigerate reti da uccellagione – ha aggiunto il responsabile del WWF –  E’ questo il  motivo per cui il pattugliamento del territorio alla ricerca dei mezzi di cattura dei bracconieri continuerà, avvalendosi anche della tecnologia e di sofisticati congegni satellitari per individuare e punire i responsabili”.

Nella conta dei danni al patrimonio faunistico provocati dagli sparatori fuorilegge rientrano anche due falchi Gheppio. Un falco, infatti, è stato rinvenuto a Pimonte ed un altro a Sorrento, in località Priora. Entrambi i rapaci presentavano evidenti ferite da arma da fuoco. “Sono stati trasportati al C.R.A.S. il Frullone di Napoli – conclude Claudio d’Esposito – ma sono solo le ultime vittime dei bracconieri della scorsa settimana.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: