cavallo palermo
GEAPRESS – Sequestro di sette cavalli e due asini avvenuto stamani a Palermo. Gli animali sono stati rinvenuti in un terreno del quartiere di Brancaccio ove erano ricavati tre manufatti. Stante il comunicato del Comune di Palermo, le strutture risulterebbero abusive.

Ad essere denunciate sono ora tre persone accusate di violazioni, in concorso tra loro, alla normativa edilizia ed ambientale. L’intervento è avvenuto nel quartiere di Brancaccio nell’ambito di una ampia operazione del Nucleo di Polizia Edilizia della Polizia Municipale, coordinata con il Nucleo protezione ambientale, il Commissariato della Polizia di Stato ed il personale dell’Azienda sanitaria provinciale.

Per quanto riguarda i cavalli, dopo i controlli sanitari effettuati dai veterinari dell’Asp – l’Azienda sanitaria provinciale – sono stati  affidati al custode giudiziario, per provvedere al loro mantenimento. Il manufatto più grande, esteso circa cinquecento metri quadrati, era proprio quello destinato ai cavalli. Suddiviso in tredici box di cui otto realizzati in muratura e copertura in lamiera e cinque senza copertura, da ultimare.

Piccolo particolare. Nel momento del sopralluogo veniva notato un autocarro scaricare sfabbricidi. La ditta era iscritta all’albo dei gestori ambientali ma il terreno non era adibito allo scopo.  Anche questo mezzo e stato posto sotto sequestro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati