GEAPRESS – Ammonta a quasi trenta tonnellate (per l’esattezza 28, 679) il totale del pescato sequestrato nell’arco del 2012 dalla Direzione Marittima di Palermo. In tutto, la Guardia Costiera ha elevato 276 sanzioni amministrative e denunciato all’Autorità Giudiziaria 64 persone. A finire sotto sequestro anche 33 attrezzi di pesca illegale.

Controlli, quelli della Capitaneria di Porto, avvenuti sia in terra che in mare. Nel primo caso hanno riguardato l’intera filiera, dai punti vendita fino alla ristorazione. Taglia minima non rispettata, rintracciabilità ed altre dispozioni spesso violate, come quelle riscontrate nei mercatini rionali. In questo caso, aveva riferito in un precedente comunicato la stessa Capitaneria, le irregolarità sono emerse nel 100% dei controlli.

Un dato interessante è quello della collaborazione dei cittadini. Un fenomeno, concludono dalla Direzione Marittima di Palermo, che fa ben sperare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati