cavallo via basile
GEAPRESS – Con la primavera precoce che in questi giorni sta inondato di sole il capoluogo siciliano, sono riprese le corse clandestine nel primo tratto della circonvallazione cittadina. Si tratta dello storico percorso  compreso tra la rotonda di via Oreto ed il ponte Corleone.

Alle 7.00 e poi ancora intorno alle ore 8.00 di ieri, due distinte corse con calessi. Entrambe con una coppia di competitori seguiti da numerose decine di scooter con a bordo  persone che incitavano i cavalli urlando. A seguire numerose macchine, alcune delle quali probabilmente facenti parte dell’organizzazione della corsa. Molti gli automobilisti incolonnati. La circonvallazione di Palermo è intensamente trafficata ad ogni ora del giorno e della notte. In quel tratto, poi, le corsie sono addirittura sei. Le due corse clandestine, come di routine, si sono svolte nella corsia principale in direzione Trapani.

Il folto gruppo di scooter ed automobili, di fatto interrompeva la circolazione veicolare costringendo gli automobilisti ad una snervante attesa dietro i cavalli.

La segnalazione, pervenuta da fonte certa, riferiva della particolare enfasi che caratterizzava la corsa, tanto da fare pensare a due competizioni particolarmente importanti. Il tratto interessato ha una lunghezza complessiva prossima a quella del circuito di un ippodromo. Inoltre il tracciato presenta una caratteristica essenziale per questa competizioni: un lungo finale tutto in salita. I cavalli arrivano sfiniti. Si trattava, quasi sicuramente, di quattro purosangue.

Più volte nelle strade di Palermo sono stati segnalati cavalli deceduti nel corso delle competizioni clandestine (vedi foto). Un problema annoso e che resiste ad ogni passaggio di amministrazione. Palermo annovera all’interno del perimetro urbano, numerose stalle spesso ricavate all’interno dei box dei palazzi. Le stalle nel passato oggetto di sequestro, tornano ben presto ad essere occupate dai cavalli.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati