andrea orlando
GEAPRESS – Per il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando quella degli orsi marsicani e degli incidenti occorsi di recente è una situazione di emergenza. Per questo  si è svolta oggi a Roma  un riunione per verificare le azioni da intraprendere.

All’incontro hanno preso parte i Prefetti dell’Aquila, Frosinone e Isernia, il Comandante del NOE dei Carabinieri Vincenzo Paticchio, il Commissario del Parco Giuseppe Rossi, il dott. Ciro Lungo del Corpo forestale dello Stato oltre che  rappresentanti dell’Ispra e delle regioni Lazio e Molise. Presente, per la Regione Abruzzo l’assessore al Territorio e Protezione civile Gianfranco Giuliante.

I punti all’ordine del giorno hanno riguardato la verifica delle azioni e competenze degli organismi preposti al controllo ed il rafforzamento degli interventi congiunti di tutela. Entro un mese si dovrà giungere alla stipula del protocollo d’intesa per la tutela del plantigrado. Lo ha deciso lo stesso Ministro Orlando al fine di accellerare i tempi di attuazione degli interventi che si renderanno necessari.

Per il Ministro Orlando, l’allarmente ripetersi delle uccisioni di orsi non deve essere più  affrontato come un fenomeno occasionale.  “Quello che serve ora – ha dichiarato il Ministro a conclusione dell’incontro – è un’azione in tempi rapidi che si basi su alcuni elementi essenziali: un più intenso coordinamento tra gli enti preposti e l’abbandono di inutili sovrapposizioni che lascino il campo a sinergie efficaci.  Bisogna integrare le competenze e in parallelo intensificare prevenzione e investigazione. Entro un mese da oggi dovremo giungere alla stipula di un protocollo d’intesa per la tutela dell’orso marsicano tra tutti gli enti e gli organismi preposti. Un’intesa chiara e precisa che non lasci spazio ad ambiguità su responsabilità e competenze”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati