A San Pietro in Bevagna, zona balneare del Comune di Manduria, trenta cani, tra adulti e cuccioli, sono stati adescati ed uccisi con bocconi avvelenati, le strade della località marina sono diventate un “cimitero a cielo aperto”.
Altri sei cani sono stati trovati morti in contrada Arpione, sulla via per Oria. Avvelenamenti anche in altre zone del territorio di Manduria. Le segnalazioni sono continue e gli animali trovati morti presentano, tutti, i chiari segni dell’avvelenamento.
Lo sterminio  del nutrito gruppo di cani, stanziale nella zona balneare, farebbe pensare alla preparazione dei luoghi alla stagione turistica piuttosto che ad un serial Killer.