fucile
GEAPRESS – Nuovo intervento del Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Brescia il quale, nel corso dell’attività di repressione del bracconaggio nel territorio della bassa bresciana, ha identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria l’ennesimo bracconiere intento alla cattura di esemplari di prispolone con l’ausilio di richiami elettroacustici(fonofil).

Si tratta, tiene a specificare il Corpo Forestale dello Stato, di mezzi di caccia non consentiti.

L’uomo è stato sorpreso mentre abbatteva con un fucile un esemplare di “tordina” (prispolone), richiamata nel sito con l’ausilio dei richiami acustici illegali.

Lo scenario di quello che la Forestale definisce l’ennesimo atto di bracconaggio, è costituito dai  campi di mais limitrofi all’abitato della frazione di Cingano nel comune di Offlaga. Il tutto, poi, in un periodo di totale chiusura della caccia.

All’uomo sono stati sequestrati il fucile, più di centocinquanta munizioni, due richiami elettroacustici e ovviamente l’avifauna abbattuta.

I controlli antibracconaggio, continueranno nei prossimi giorni

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati