Le indagini dei Carabinieri sono altresì dirette a capire cosa i due stessero realmente combinando alle cinque del mattino. Sta di fatto che prelevato il fucile da caccia detenuto in casa ed iniziato a pulirlo, non si è accorto di avere il colpo in canna. La gamba dell’amico si è rotta, procurando una ferita guaribile in quaranta giorni. Un termine ben superiore la limite fissato per la non procedibilità d’ufficio del reato di lesioni colpose. Viceversa è solo a querela di parte.

Ad intervenire questa notte ad Orosei, sono stati i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Siniscola. Piccolo particolare. Le verifiche dei Carabinieri hanno portato ad individuare quella che si ritiene essere la vera dinamica dell’incidente. All’inizio, però, era sembrato che la ferita era stata accidentalmente procurata dallo stesso infortunato.

Il fucile è stato posto sotto sequestro.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati