soraia II
GEAPRESS – Si è rimessa in piedi, pur tra mille difficoltà, la cagnetta Soraia, salvata dalle volontarie UGDA (Comitato Ufficio Garante Diritti degli Animali) di Napoli (vedi articolo GeaPress ). Come si ricorderà la cagnolina era stata recuperata ormai inerme dalla strada. A questo si deve  la grossa piaga da decubito sviluppatasi dopo il bastonamento e che rappresenta, ad oggi, il principale problema.

Per questo le volontarie UGDA chiedono  AIUTO per le cure che Soraia dovrà continuare a fare e la lunga degenza che l’aspetta.

La cagnetta, oltre ai  danni nella parte posteriore, presenza una notevole debolezza nelle zampe anteriori. Per questo le volontarie, hanno provveduto fornendola di un carrellino.

Allo stato, però, il principale problema all’uso dello speciale mezzo è rappresentato dalla ferita aperta. “Avrei voluto che per la piccina fosse finalmente arrivata  una nuova vita nonostante la disabilita’ – riferisce Ornella, volontaria UGDA di Napoli – Invece no….il carrellino è fatto su misura ma a causa della brutta piaga una delle zampe non puo’ essere alloggiata facilmente nel supporto e quindi ora Soraia deve essere operata prima che l’infezione raggiunga il muscolo“.

Le volontarie rinnovano pertanto l’appello. La cagnetta continua a rischiare seri problemi nella deambulazione delle zampe anteriori. Una lunga fisioterapia seguirà poi all’operazione. Per aiutare Soraia basta andare nella PAGINA DELLE DONAZIONI e seguire semplici istruzioni. Non scordarti di scrivere nella causale “per Soraia

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati