gatto na
GEAPRESS – Un’anatra muta con le zampe avvolte nei legacci, sette gatti di cui tre ricoverati presso l’ospedale veterinario il Frullone di Napoli (nella foto il gatto Mohr, il primo ad essere recuperato), due galli da combattimento e due galline. Questo quanto ritrovato dall’associazione A.L.B.A. (Associazione Libertà e Benessere degli Animali) nel compo rom di via del Riposo a Napoli.

L’intervento è scaturito a seguito dell’incendio subito a causa  dei difficili rapporti con alcuni abitanti della zona. I rom avevano così deciso di abbandonare lo storico campo di via del Riposo lasciando al suo interno anche alcuni animali.

Il diciassette scorso il primo sopralluogo dei volontari, seguito ieri da un vero e proprio intervento congiunto al Nucleo Protezione Civile Base Puma di Napoli. La decisione, concordata con il Vicesindaco di Napoli e con la collaborazione del Garante per i Diritti degli Animali del Comune ha così portato al salvataggio di gatti, galline, galli e dell’anatra con le zampe impelagate nei legacci.

A quanto pare gli animali non erano abituati al contatto umano. Un fatto che ha complicato non poco le operazioni di recupero anche alla luce delle condizioni del campo  definite “pessime”. Per questo rimangono ancora nei luoghi altri 5 gatti che si spera poterli recuperare nel prossimo intervento.

Per tutti gli animali ritrovati, una volta raggiunta la soglia del pieno recupero, si provvederà all’adozione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati