maiale
GEAPRESS – Tredici dei ventotto maiali oggetto di sequestro da parte della Procura della Repubblica di Varese nella cittadina di Morazzone (vedi articolo GeaPress) potrebbero avere trovato adozione. Lo comunica oggi a GeaPress il Servizio Interprovinciale Tutela Animali dopo che ieri era stato lanciato l’appello per una collocazione alternativa degli animali.

Il piccolo allevamento ove erano stati sequestrati (autorizzato peraltro alla detenzione di bovini), deve essere sgomberato al più presto. Il proprietario degli animali, ha rinunciato alla proprietà degli stessi ed il PM incaricato, dott.ssa Sara Arduini, ha emanato un Decreto ove si autorizza l’adozione degli animali. L’ASL, stante il comunicato del SITA, aveva invece suggerito l’abbattimento.

Una situazione, quella rinvenuta dagli inquirenti, che aveva palesato varie presunte irregolarità anche sotto il profilo igienico sanitario. I maiali, poi, deambulerebbero in locali inadatti al corretto drenaggio dei liquami. Una situazione, oltretutto, indecorosa, oltre che di possibile sofferenza per gli animali.

In meno di ventiquattro ore dall’appello lanciato da GeaPress, 13 dei 28 animali potrebbero ora avere trovato una adozione. Ne rimangono ancora da salvare altri 15, tra cui alcuni lattonzoli. E’ chiaro che il mantenimento degli animali non potrà durare ancora a lungo e la strada della soppressione rimane comunque un pericolo concreto per i poveri animali.

Questo il numero che il Servizio Interprovinciale Tutela Animali, ha messo a disposizioni per le richieste di adozione: 320 0484962

In ultimo, una precisazione sul maiale. Contrariamente a quello che l’uomo fa credere, tanto da aver fatto diventare il povero maiale addirittura un aggettivo, non si tratta affatto di un animale propenso alla sporcizia. Sono gli spazi ristretti a crearne le condizioni.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati