jack russel enpa
GEAPRESS – Sabato 5 luglio i volontari del Nucleo anti maltrattamento dell’ENPA di Monza di Brianza, sono intervenuti per verificare le condizioni di detenzione di un incrocio di Jack Russell. La cagnolina, stante quanto comunicato dall’ENPA, sarebbe stata legata a una corda di 1,5 metri,  senza né una cuccia né una tettoia. Il tutto in un giardino condominiale in una città dell’alta Brianza.

Durante il sopralluogo, la famiglia ha cercato di giustificare la gestione del cane dapprima come il risultato di una situazione momentanea (stavano facendo le pulizie in casa), poi avrebbero ammesso che di giorno la tenevano legata fuori e di notte in casa.

Alla fine la famiglia ha accettato di cedere all’ENPA la dolcissima cagnolina, che dichiaravano di aver trovato vagante per strada. Al canile di Monza – dove le è stato dato il nome “Brioche” in quanto piccola e dolce – verrà visitata, microchippata, vaccinata e sterilizzata, e poi potrà trovare finalmente una nuova famiglia che non tarderà ad arrivare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati