richiami
GEAPRESS – Si svolgerà domenica 25 agosto dalle 08.30 alle 13.00 davanti all’entrata a Parco Manin da via Corso Mazzini, a Montebelluna (TV), la manifestazione animalista indetta contro la locale “fiera dei osei”.   Per gli animalisti di LAC, LAV, ENPA ed OIPA la fiera sarebbe uno spettacolo triste. Non si tratta, dicono all’unisono, di una “gradevole ed innocua manifestazione”, come ancora alcune persone credono, bensì poveri uccellini “allevati apposta” per vivere in gabbia e cantare per i loro proprietari. A questo sarebbero destinati una volta esposti a Montebelluna.

“E’ tradizionale”, dice qualcuno. Ma quante atrocità, si chiedono gli animalisti, sono state nascoste nella storia con la parola “tradizione”? In altri termini, può essere considerato giusto e normale che degli esseri dotati  di ali per volare, devono essere  costretti a passare tutta la vita chiusi in piccole gabbie? “Non c’è nulla di bello in un uccellino in gabbia – asseriscono le associazioni –  nulla di educativo soprattutto per i più giovani, che vedendo in tale condizione apprende ciò che è normale e può rimanere tale e quale”.

C’è poi il problema aggiunto degli uccellini definiti “da richiamo”, ovvero utilizzati dai cacciatori per attirare, quando la stagione della caccia riapre, i loro simili, e farli diventare bersaglio di cartucce  pesanti più di loro. Alle fiere dei osei c’è anche questo, dicono sempre LAV, LAC, ENPA ed OIPA. Questi uccellini, a loro dire, sono costretti a vivere per sempre in gabbiette piccolissime, rinchiusi negli scantinati. Solo in autunno, alla riapertura della caccia, vengono esposti al sole.

Così facendo – spiegano le associazioni – sarà per loro primavera e i canti prenuziali non faranno altro che attrarre le prede che cadranno vittime del piombo dei cacciatori”.   L’invito è ora rivolto ai cittadini. Non visitare la fiera dei osei di Montebelluna né le altre fiere. Non partecipare tramite il pagamento del prezzo del biglietto, a quello che gli animalisti ritengono essere uno “sfruttamento di questi piccoli animali che chiedono solo di essere liberi”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati