stenella
GEAPRESS – Niente da fare per la giovane Stenella di 210 cm di lunghezza e circa 100 kg di peso che si era spiaggiata nei giorni scorsi sulla costa di Molfetta (BA).

A darne comunicazione è il Centro Recupero Tartarughe Marine di Molfetta.

Secondo gli esperti l’animale era forse ancora vivo quando si è arenato sulla battigia nei pressi del Lido Bahia. Sul corpo non vi erano segni evidenti di traumi esterni. Sul posto erano intervenuti i volontari del Centro Recupero Tartarughe Marine di Molfetta, militari della Capitaneria di Porto, i veterinari dell’ASL e personale della Polizia Municipale. All’arrivo degli operatori, però, è stato possibile solo constatare il decesso.

La Stenella è stata trasportata dai volontari del Centro Recupero Tartarughe Marine di Molfetta presso la facoltà di Medicina veterinaria dell’Università di Bari. Oggi l’anatomopatologo Prof Nicola Zizzo ha sottoposto il giovane delfino all’esame necroscopico per accertare le cause di morte.

Si attendono ora i risultati istologici per stabilire con certezza cosa abbia determinato il decesso della Stenella ma si possono già escludere quelle per annegamento e/o reti da posta.

Per Pasquale Salvemini, responsabile del Centro Recupero Tartarughe Marine di Molfetta, ora diventa sempre più indispensabile monitorare questi animali seguendo un vero protocollo scientifico che sino ad oggi purtroppo è stato solo sulla carta,  evitando quindi di lasciare questi animali ad un tragico destino!

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati