api alveare
GEAPRESS – Dovevano essere in 70.000, ed invece, le api recuperate presso il liceo scientifico Albert Einstein di Molfetta (BA), sono risultate non più 4000. Un grande alveare, almeno in teoria, la cui rimozione era stata richiesta dal preside della scuola.

Per Pasquale Salvemini, responsabile della LAC Puglia, la colpa sarebbe dell’inquinamento ambientale ed in modo particolare dei pesticidi, ma anche di attacchi naturali come quello dell’acaro che uccide le api. Un problema ampio che riguarda molti alverai diffusi nel  nostro paese.

Il recupero dei grossi favi costruiti in un intercapedine del muro della scuola, è avvenuto a cura della LAC ed alla presenza di Edoardo Stoppa e delle troupe di Striscia la Notizia.

Difendere le api é fondamentale e vitale – spiega Salvemini – sia per la conservazione della specie sia per tutti i benefici che l’uomo può trarne per la propria salute. Benefici che si evidenziano sia sul piano economico per la produzione di miele, propoli e cera sia per il loro ruolo in agricoltura grazie all’impollinazione da esse svolta“.

Le api salvate nel corso dell’intervento sono state trasferite a cura di un apicoltore.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati