falco pellegrino
GEAPRESS – Un Falco lanario che volava in un cortile interno di via Ferrante Aporti, nei pressi della stazione Centrale di Milano. Il rapace, osservato da alcuni impiegati non poteva che denotare, ad avviso dell’ENPA, una situazione di evidente difficoltà.

I tentativi di riprende a volare sono perdurati almeno fino a stamani quando una centralinista pensava bene di telefonare  all’ENPA di Milano raccontando anche che nell’ennesimo episodio di volo che si era infranto contro una delle vetrate dell’edificio. Il rapace cadeva così al suolo restando temporaneamente immobile.

Immediatamente scattavano le operazioni di soccorso e l’operatore dell’ENPA, giunto sul posto e constatata l’effettiva difficoltà dell’animale, riusciva a catturare il giovane falco. Il falco lanario è stato portarlo presso la sede dell’ENPA di Milano, dove è stato visitato dai veterinari. L’animale è apparso in buono stato di salute, vigile e reattivo, e dopo essere stato rifocillato verrà trasferito al Cras del WWF di Vanzago.

Nella zona, precisamente sul Pirellone, nidifica ad esempio il Falco pellegrino – ha dichiarato Ermanno Giudici, presidente e capo nucleo delle guardie zoofile dell’ENPA di Milano – “Il Lanario soccorso ha avuto qualche difficoltà, fatto che in un ambiente naturale avrebbe creato minori problematiche, mentre è diventato un serio problema in ambiente urbano. Spesso i milanesi sono completamente all’oscuro del fatto che alcune specie di rapaci possono vedersi in città ed addirittura nidificare a Milano, grazie a una grande disponibilità di prede e alla presenza di palazzi alti con siti idonei alla costruzione del nido e alla riproduzione”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati