capriolo
GEAPRESS – L’ipotesi più probabile, secondo il Corpo Forestale dello Stato, è che il povero capriolo sia rimasto vittima di alcuni morsi di cani vaganti. Di certo, all’arrivo degli Agenti del Comando Stazione di Busalla,  risultava essere seriamente ferito. Oltre alle ferite tipiche dei morsi,  presentava pure un corno spezzato.

I fatti sono avvenuti nel comune di Mignanego, dove alcuni cittadini hanno soccorso il capriolo chiedendo inoltre l’intervento del Corpo Forestale al numero delle emergenze 1515.

Per fortuna, riporta nel suo comunicato il Corpo Forestale,  nelle immediate vicinanze dell’accaduto era presente una dottoressa veterinaria che si è offerta di prestare le necessarie cure all’ungulato selvatico.  I forestali hanno perciò provveduto al formale affido ed una volta che il capriolo sarà ristabilito, verrà reintrodotto in natura o affidato ad un centro specializzato.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati