La gestione dovrebbe essere assicurata dalla Lega Nazionale della
Difesa del Cane tramite una convenzione di 300 mila euro all’anno. Vi è da sperare che la struttura comunale sia funzionante soprattutto nella sterilizzazione e reimmissione,  nel territorio.