legname
GEAPRESS – Furto aggravato, danneggiamento e deturpamento di bellezze naturali. Queste le accuse dalle quali dovrà difendersi un pensionato di Melissa (KR) denunciato dal Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Cirò. I Forestali sono arrivati a lui  a seguito di un’attività di indagine tesa alla salvaguardia del patrimonio boschivo comunale di Melissa (KR).

I fatti sono avvenuti su una porzione di territorio boscato che si alterna a superfici agricole.

Gli agenti della forestale di Cirò, che da tempo stavano attenzionando il fenomeno dei furti di legna nei boschi comunali, si sono portati  nella località “Montagna”, dove all’interno di una proprietà privata hanno notato un motocarro  nel cui cassone era stipato del materiale legnoso depezzato, allo stato fresco.
Nelle adiacenze del motocarro vi era, anche, la presenza di una rudimentale slitta, verosimilmente utilizzata per l’esbosco, mediante traino di animali da soma.

Gli agenti, in breve tempo, sono  risaliti all’area boscata  da dove era stato prelevato il materiale legnoso, riscontrando il taglio di diverse piante di varie essenze forestali (roverella, leccio e alaterno),  i cui diametri delle ceppaie erano coincidenti con i toppi di legna rinvenuta sul motocarro e su un ulteriore cumolo trovato all’interno del bosco pronto per essere trasportato.

Rintracciato il proprietario del motocarro, questi ammetteva di essere stato l’esecutore del taglio, in quanto, a suo dire, il bosco era di proprietà  di una cooperativa del luogo e che egli ne era il gestore.

La Forestale ha però contestato al pensionato la  violazione amministrativa per taglio delle piante senza l’autorizzazione regionale e nel contempo invitava lo stesso a non asportare il materiale legnoso depezzato rinvenuto sia a bordo del motocarro e sia in bosco in attesa di riscontro dell’effettiva proprietà del fondo boscato oggetto del taglio.

La Forestale nel frattempo portava ad accertare la proprietà comunale del bosco. Gli agenti provvedevano a contestare al pensionato il danneggiamento delle piante tagliate illecitamente, il deturpamento delle bellezze naturali, nonché il furto aggravato del materiale legnoso in quanto, nel frattempo, lo stesso, nonostante l’ invito a non prelevare il materiale aveva proceduto all’asporto dal sito ed al conferimento presso la propria abitazione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati