assiolo
GEAPRESS – Un incontro insolito avvenuto nel tardo pomeriggio in un giardino di un’abitazione privata nel borgo di Nerano a Massa Lubrense, in provincia di Napoli.

Un piccolo animale che mostrava uno strano atteggiamento e nel tentare la fuga non riusciva a prendere il volo. I soccorritori, preoccupati per le sue condizioni di salute, decidevano così di recuperare l’animale e, dopo una serie di telefonate, riuscivano a mettersi in contatto col WWF Terre del Tirreno che forniva i primi utili suggerimenti sul recupero di quel “minuscolo gufo”.

Il piccolo rapace veniva quindi adagiato in una scatola di cartone con appositi fori (secondo il WWF è il mezzo migliore per il trasporto di animali feriti) e consegnato ai volontari del WWF a Meta. Qui veniva constatato che si trattava di un Assiolo (Otus scops), un piccolo rapace notturno.

Putroppo presentava un problema all’ala destra e per tale motivo veniva trasferito all’ASL veterinaria di Piano di Sorrento che, a sua volta, organizzava la staffetta tramite la Polizia Provinciale al C.R.A.S. il Frullone di Napoli per gli accertamenti e le cure del caso.

Gli esami radiografici – ha effermato Claudio d’Esposito, responsabile WWF per la Penisola Sorrentina – dovranno ora accertare la causa della ferita ed escludere o confermare che l’animale sia stato bersaglio di pallini da caccia. Intanto in questi giorni continua il pattugliamento sulle montagne della penisola sorrentina del Corpo Forestale dello Stato, in collaborazione col WWF, a contrasto del fenomeno del bracconaggio”.
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati