PastoreAbruzzese
GEAPRESS – Proseguono le attività del Parco Nazionale dei Monti Sibillini volte a favorire la coesistenza dei grandi predatori con le attività zootecniche tradizionali.

In particolare, sono in  corso di attivazione alcune azioni fondamentali per la prevenzione delle predazioni al bestiame al pascolo. Dopo la consegna delle reti elettrificate effettuata nei mesi scorsi, parte proprio in questi giorni il programma di consegna di cani da guardiania.

L’occasione è fornita da una manifestazione locale (la 13° Mostra del Pecorino che si terrà domani a Cupi di Visso). Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini consegnerà i primi due cuccioli di cane di razza pastore maremmano abruzzese ad una delle tre aziende zootecniche del Parco che hanno aderito all’iniziativa RE.CAN.D.O. (costituzione di una rete di interscambio di cani da difesa di qualità degli ovicaprini).

Il programma, avviato un anno addietro, è promosso dal Parco dei Sibillini ad integrazione delle azioni previste nel progetto Life EX-TRA, volto a migliorare le condizioni per la conservazione dei grandi carnivori anche attraverso il sostegno alle aziende zootecniche nelle attività di prevenzione dei danni provocati dalla fauna selvatica. L’obiettivo del programma RECANDO è di migliorare la qualità dei cani da guardiania usati dagli allevatori lavorando innanzitutto sul miglioramento genetico dei cani già presenti e introducendo cuccioli di cane di razza certificata (pastore maremmano abruzzese) nelle mute di cani già possedute dalle aziende che hanno aderito al programma.

Il programma prevede, inoltre, un corso di formazione rivolto agli allevatori per favorire la corretta gestione dei cani e il miglioramento della loro resa in ambiente di lavoro Sempre in questi giorni, un esperto dell’Associazione Cane da Gregge Abruzzese si recherà presso un’altra azienda agricola aderente al progetto per verificare la qualità dei cani da difesa posseduti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati