Si sono concluse le prime indagini da parte del Comando Stazione forestale di Lucoli con le quali è stato accertato un considerevole taglio abusivo di piante (oltre 100) ai danni del demanio dello Stato, in assenza delle necessarie autorizzazioni.

Nel puntuale controllo del territorio montano, voluto dal neo Comandante provinciale del CFS di L’Aquila, il Comando Stazione forestale di Lucoli ha individuato in un bosco d’alto fusto di faggio, nel Comune di Lucoli, un taglio abusivo. Un’ampia ricognizione del luogo e gli accertamenti successivi hanno portato all’individuazione di innumerevoli piante tagliate, tutte appartenenti a specie spontanee, su una estesa superficie assoggettata a vincolo idrogeologico, paesistico ed ai confini con il parco naturale dei monti della Duchessa.

Il legname, ancora sul letto di caduta, è stato recuperato e messo nella disponibilità del Comune di Lucoli, custode dei beni rinvenuti. A carico di ignoti è stato ipotizzato il reato il danneggiamento, art. 635 C.P.. Le indagini si stanno estendendo anche oltre regione essendo l’area tagliata abusivamente a confine tra Lazio ed Abruzzo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati