Interventi della Polizia Provinciale di Bergamo in danno di bracconieri. Gli agenti hanno in questi giorni operato numerosi controlli che hanno portato al sequestro di reti e gabbie utilizzati dagli uccellatori. In alcuni casi gli agenti si erano appostati per individuare gli autori del reato. Numerosi gli uccellini, vivi e morti, rinvenuti.

Un secondo intervento è avvenuto in un appostamento di caccia, ove veniva ritrovato un fucile carico, di fatto in stato di abbandono. Individuato il bracconiere, la Polizia Provinciale provvedeva al sopralluogo di alcuni vicini appostamenti, sequestrando ad una persona priva di licenza di caccia più fucili e numerose munizioni.

Il terzo intervento ha invece riguardato il sequestro di un richiamo acustico vietato dalla legge. Nel corso della perquisizione del capanno di caccia veniva inoltre rinvenuto il telecomando per azionare il richiamo utile ad attrarre l’avifauna sotto il tiro dei cacciatori.