piccione
GEAPRESS – Ancora avvelenamenti di colombi in provincia di Savona. Questa volta gli animali sono stati uccisi dalla sostanza tossica nel centro storico di Loano (SV). Decine di colombi, riferisce il comunicato della Protezione Animali savonese, sono stati trovati morti dai volontari. Solo per alcuni si è arrivati in tempo nel recupero e potere così sottoporre gli animali alle cure veterinarie.

I piccioni che si è riusciti a recuperare si sono poi ripresi.

Secondo l’ENPA di Savona, anche alla luce della sintomatologia riscontrata, si potrebbe presupporre che il veleno utilizzato sia un anestetico. Mischiato a granaglie potrebbe provocare la morte dei soggetti più deboli se ingerito in quantità mortali. Lo scorso agosto a Loano si era registrato un  altro avvelenamento. Per diversi giorni i volontari avevano rinvenuto i piccioni morti questa volta per probabile avvelenamento da stricnina o esteri fosforici.

Le Guardie Zoofile dell’ENPA stanno ora svolgendo gli opportuni accertamenti al fine di risalire all’autore del gesto. Questi i riferimenti messi a disposizione per le eventuali segnalazioni:  savona@enpa.org o al numero 019 824735.

Ogni anno in provincia di Savona si sono verificati oltre 150 episodi di avvelenamento di animali, o sospetti tali. Questo, riporta l’ENPA, sia deliberatamente mirati alla loro uccisione che conseguente all’errato o illecito uso di sostanze chimiche. Il risultato sono decine di cani e gatti di proprietà morti, oltre che gatti liberi ed un numero molto grande di volatili e mammiferi selvatici.

L’ENPA tiene a disposizione degli animalisti e pubblica sul proprio sito internet (www.enpa.sv.it) la mappa degli eventi ed ogni volta, dopo aver diffuso avvisi in loco, li segnala al Comune competente che, secondo un’ordinanza del Ministero della salute, è tenuto a delimitare e bonificare l’area. Quest’anno gli avvelenatori hanno pesantemente e ripetutamente agito, oltre a Loano, soprattutto  a Savona, Pietra Ligure, Quiliano e Cairo Montenotte.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati