GEAPRESS – Un probabile cacciatore di frodo. Questo secondo il comunicato del Comando Provinciale dei Carabinieri di Livorno.

E’ stato sorpreso ieri pomeriggio intorno alle 16.00 da una pattuglia del Comando Stazione di Montenero, impegnata in un servizio di controllo del territorio lungo viale del Tirreno, in direzione Antignano-Santuario. All’altezza della località Il Cantuccio, i militari hanno notato uscire dalla strada sterrata al limitare del bosco un giovane che, alla loro vista, superato un momento di smarrimento, ha cercato di allontanarsi, ostentando indifferenza.

Insospettiti, i Carabinieri hanno provveduto a fermarlo ed identificarlo. Un uomo di trentatrè anni di Cascina che alle domande dei Carabinieri parrebbe avere risposto in maniera incoerente. Poi occhiate preoccupate in direzione del canneto.

Nascosta tra la vegetazione c’era, infatti, un autovettura appartenente al sospetto. All’interno del portabagagli  un fucile calibro 8 e 29 cartucce. Oltre a queste, ce n’erano altre 15 calibro 12 e due coltelli a serramanico. Un terzo coltello, lungo 23 cm, è stato trovato nella tasca dei suoi pantaloni.

Ispezionando accuratamente la macchina, dal vano sotto il cruscotto è però saltato fuori un distintivo a placca con lo stemma del Corpo Forestale dello Stato. Alla richiesta di fornire spiegazioni, il giovane si è limitato a dire che era uscito a cercare asparagi.

I Carabinieri lo hanno denunciato per porto abusivo, omessa custodia di arma ed usurpazione di titoli.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati