Controlli delle Capitanerie di Porto liguri nell’ambito dell’operazione “ottobre 2012”, programmata per le giornate del 29, 30 e 31 del mese appena trascorso. Punti di sbarco e filiera della pesca fino alla ristorazione.

Proprio dai controlli partiti dalla Liguria si è arrivati al rinvenimento di ben 1700 kg di “anguilla australis”, dal basso valore economico, venduti con la denominazione della ben più pregiata “anguilla”. Ad essere denunciati sono stati i titolari di un esercizio commerciale all’ingrosso di Lodi e i loro fornitori milanesi.

Pescatori professionali e sportivi di Genova e Rapallo, trovati invece in possesso di 22 tonni rossi catturati illegalmente. Poi il peschereccio italiano trovato in attività di pesca non autorizzata nelle acqua francesi. Grazie ai sistemi di localizzazione satellitare gestiti dalla sala operativa del centro VTS di Genova, è stato individuato e segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sanremo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati