cicogne due
GEAPRESS – Buone notizie per le cicogne e gli altri grandi uccelli migratori che in questo periodo sono i protagonisti di una grandiosa migrazione lungo la rotta che li porterà a nidificare in europa orientale ed Asia.

Gli animali, come è ormai noto grazie all’attività del CABS, lo speciale gruppo di volontari antibracconaggio con sede in più paesi europei, vengono barbaramente uccisi sulle alture libanesi dai numerosi cacciatori che operano di fatto senza alcun controllo.

Una strage, che rischia di compromettere lo status delle popolazioni selvatiche dei paesi ove gli animali si recano a nidificare.

Sulla questione, comunica ora il CABS, è intervenuto direttamente il Governo polacco il quale, paventando  l’elevato rischio per le cicogne nidificanti nel suo paese, ha chiesto al Ministro dell’Ambiente libanese un intervento urgente.

Per questo motivo l’Ambasciatore polacco in Libano, Wojciech Bożek, è stato incaricato di esporre le preoccupazioni  nel corso di un incontro avuto con il Ministro dell’Ambiente libanese Mohammad Machnouk.

I risultati sembrano ora far ben sperare. Il Governo libanese si impegnerà in una campagna di sensibilizzazione presso le scuole e le università libanesi da attuarsi con la collaborazione delle ONG operanti nel settore. Il governo libanese si impegnerà inoltre nella creazione di un Servizio di protezione ambientale che opererà anche tramite una organizzazione specializzata nella sorveglianza e rispetto della legge sulla caccia.

Per il CABS si tratta di una prima importante vittoria realizzata grazie ai propri reportage e alla creazione di una specifico account facebook che illustra le stragi compiute  (vedi articolo GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati